DON GABRIELE COMMENTA IL VANGELO DELLA SECONDA DOMENICA DI AVVENTO

Condividi su Facebook

Scritto il 24 novembre, 2018

Oggi il Vangelo ci parla di Gesù attraverso la figura di  Giovanni Battista. Ci colpisce anzitutto la figura di Giovanni per la sua austerità (peli di cammello, miele selvatico), eppure dice con sincerità: “io non sono degno di Lui”.

Chi sarà mai, dunque, questo Messia atteso?

Se davanti a questa professione di indegnità cerchiamo di entrare nell’animo di Giovanni, ne rimaniamo sconvolti: come può essere che davanti a una vita vissuta tutta “per annunciare Lui”, e con quale sacrificio, egli poi se ne senta indegno?

Dico anch’io quelle parole prima di ricevere Gesù nella Comunione, ma con quale sentimento?

E’ per un dono incredibile che Dio ha colmato la nostra distanza da Lui mediante suo Figlio:non è il frutto della nostra virtù o bravura. Ed allora : fiducia sì, confidenza sì, ma senza mai perdere la consapevolezza, piena di umiltà e di gratitudine, che poter accedere a Dio è un dono che ci è dato per mezzo di Gesù: “Nessuno viene a Padre se non per mezzo di me”.

“Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri….”.

Come si concretizza questo?

Due possibili suggerimenti. E’ barriera al cammino del Signore verso di noi ogni nostra forma di insincerità (cfr. sal. 14): è la barriera che erigevano scribi e farisei ipocriti e che non permetteva a Gesù di raggiungere il loro cuore.

E’ invece “appianare la strada” ogni forma di carità vera, di condivisione. Ma non solo. Noi stessi abbiamo bisogno degli altri, specialmente di lasciarci avvicinare dal loro dolore: ci accorgeremo che in questo modo Gesù ci visita.

Riflessione sulla Parola di Dio di questa domenica
Isaia 19,18-24 Il Signore si farà conoscere agli Egiziani e gli Egiziani riconosceranno in quel
giorno il Signore, lo serviranno con sacrifici e offerte.

Lettera di san Paolo agli Efesini 3,8-13 Il progetto eterno che Dio ha attuato in Cristo Gesù
nostro Signore, nel quale abbiamo la libertà di accedere a Dio in piena fiducia mediante la fede in
lui.

Vangelo secondo Marco 1,1-8 “Viene dopo di me colui che è più forte di me. Io vi ho
battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo.”.

Don Gabriele vicario parrocchiale

 

 

 

 

 

Categories : Avvento e Natale | Commento al Vangelo della Domenica | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.