Solennità di Cristo Re e la III Giornata mondiale dei poveri – Il messaggio del Papa

Condividi su Facebook

Scritto il 9 novembre, 2019

È un ritornello permanente delle Sacre Scritture la descrizione dell’agire di Dio in favore dei poveri. Egli è colui che “ascolta”, “interviene”, “protegge”, “difende”, “riscatta”, “salva”…

Insomma, un povero non potrà mai trovare Dio indifferente o silenzioso dinanzi alla sua preghiera.

Dio è colui che rende giustizia e non dimentica (cfr Sal 40,18; 70,6); anzi, è per lui un rifugio e non manca di venire in suo aiuto (cfr Sal 10,14). Si possono costruire tanti muri e sbarrare gli ingressi per illudersi di sentirsi sicuri con le proprie ricchezze a danno di quanti si lasciano fuori. Non sarà così per sempre. Il “giorno del Signore”, come descritto dai profeti (cfr Am 5,18; Is 2-5; Gl 1-3), distruggerà le barriere create tra Paesi e sostituirà l’arroganza di pochi con la solidarietà di tanti. La condizione di emarginazione in cui sono vessati milioni di persone non potrà durare ancora a lungo. Il loro grido aumenta e abbraccia la terra intera. Come scriveva Don Primo Mazzolari: «Il povero è una protesta continua contro le nostre ingiustizie; il povero è una polveriera. Se le dai fuoco, il mondo salta».

(Dal messaggio di papa Francesco)

Scarica il testo del messaggio completo –> papa-francesco_20190613_messaggio- 3-giornatamondiale-poveri-2019

Categories : Decanato | Formazione | Missioni | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.