‘IN CAMMINO VERSO BETLEMME’ CON CARLO ACUTIS LA VEGLIA DI NATALE DI ADO E GIOVANI DEL DECANATO

Condividi su Facebook

Scritto il 5 dicembre, 2019

Il percorso della tradizionale Veglia di Natale organizzata dalla Pastorale Giovanile del Decanato della Valsassina è iniziato da Barzio e concluso nella chiesetta della Beata Vergine Assunta di Concenedo con una proiezione, una riflessione seguita dalla preghiera che ha avuto come testimone il Venerabile Carlo Acutris.

Dal libretto che puoi scaricare: Veglia 30 novembre

Ti ricordo la buona notizia che ci è stata donata il mattino della Risurrezione: che in tutte le situazioni buie e dolorose di cui parliamo c’è una via d’uscita. Ad esempio, è vero che il mondo digitale può esporti al rischio di chiuderti in te stesso, dell’isolamento o del piacere vuoto. Ma non dimenticare che ci sono giovani che anche in questi ambiti sono creativi e a volte geniali. È il caso del giovane Venerabile Carlo Acutis. Egli sapeva molto bene che questi meccanismi della comunicazione, della pubblicità e delle reti sociali possono essere utilizzati per farci diventare soggetti addormentati, dipendenti dal consumo e dalle novità che possiamo comprare, ossessionati dal tempo libero, chiusi nella negatività.

Lui però ha saputo usare le nuove tecniche di comunicazione per trasmettere il Vangelo, per comunicare valori e bellezza. Non è caduto nella trappola. Vedeva che molti giovani, pur sembrando diversi, in realtà finiscono per essere uguali agli altri, correndo dietro a ciò che i potenti impongono loro attraverso i meccanismi del consumo e dello stordimento. In tal modo, non lasciano sbocciare i doni che il Signore ha dato loro, non offrono a questo mondo quelle capacità così personali e uniche che Dio ha seminato in ognuno. Così, diceva Carlo, succede che ‘tutti nascono come originali, ma molti muoiono come fotocopie’. Non lasciare che ti succeda questo. Non lasciare che ti rubino la speranza e la gioia, che ti narcotizzino per usarti come schiavo dei loro interessi. Osa essere di più, perché il tuo essere è più importante di ogni altra cosa. Non hai bisogno di possedere o di apparire. Puoi arrivare ad essere ciò che Dio, il tuo Creatore, sa che tu sei, se riconosci che sei chiamato a molto. Invoca lo Spirito Santo e cammina con fiducia verso la grande meta: la santità. In questo modo non sarai una fotocopia, sarai pienamente te stesso“.

In cammino verso Betlemme è stato il titolo della veglia che hanno vissuto gli adolescenti e i giovani della valle, attraverso un cammino che ci ha permesso di rivivere la nascita di Gesù a Betlemme, – ha affermato don Gianmaria quel Gesù che è sempre presente nel corpo eucaristico. Le diverse provocazioni e riflessioni ci hanno portato a fare silenzio al Verbo che si é incarnato. Silenzio che ci ha portato a vivere un tempo in cui abbiamo vissuto l’Adorazione Eucaristica. Complessivamente sono molto contento nella speranza che ogni ragazzo possa approfondire l’amicizia con Gesù. Colgo l’occasione per fare a tutti i lettori un saluto e un augurio di buon Natale“.

Categories : Avvento e Natale | Decanato | Pastorale Giovanile | Per riflettere insieme | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.