A BARZIO LA FESTA DEL CREATO CON LA VISITA AL MUSEO DELLA FORNACE E TANTI GIOVANI ESPOSITORI

Condividi su Facebook

Scritto il 30 settembre, 2020

La Festa del Creato è stata organizzata nell’ambito del Tempo del Creato, periodo che va dal 1 settembre al 4 ottobre in cui la famiglia cristiana si riunisce ogni anno per una celebrazione mondiale di preghiera e azione finalizzata a proteggere la nostra casa comune.

Per rispondere a queste esigenze e ispirati dalla Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco è stato fondato recentemente presso il Coe un Circolo Laudato si che ora si trova in comunione con tanti altri circoli in tutto il mondo nell’ambito del “Movimento cattolico globale per il clima”.

L’evento, pensato in collaborazione con la Parrocchia di Barzio, si è svolto presso il Museo La Fornace con il patrocinio della Comunità Montana, Parco e Comune di Barzio.

Sono stati invitati giovani produttori della Valle che hanno esposto i loro prodotti e spiegato le motivazioni e l’impegno per un lavoro svolto nel rispetto e nella valorizzazione dell’ambiente.

La riapertura del Museo della Fornace con visite gratuite guidate ha contribuito ad attirare un po’ di persone malgrado il tempo freddo e un po’ ventoso.

Alle 16 ci siamo riuniti per un momento di riflessione e preghiera nel giardino del Coe che si è concluso con la piantumazione di un ulivo, albero simbolo della pace.

Ringraziamo il Parroco don Lucio, don Gianmaria, Tecla della Comunità Montana, Silvia Negri di Caritas Lecco per la bella testimonianza, Davide per l’accompagnamento con chitarra ai canti, i giovani espositori e tutte persone che hanno partecipato all’evento e alla sua organizzazione.

Contiamo di ripetere questa festa il prossimo anno cercando di coinvolgere sempre più persone e di trasmettere sempre meglio questo messaggio di rispetto dell’ambiente e di socialità in un periodo di incertezze e timori.

Hanno esposto:

–          Marco Ciresa dell’Apicoltura Ciresa di Primaluna con i suoi innumerevoli prodotti e la bella lezione ai bambini sulle api

–          Michele Uberti- Azienda Agricola Uberti di Bindo- produzione formaggi nostrani

–          Mattia Citterio- viticultore di Indovero che ha rivitalizzato un territorio abbandonato producendo il primo vino della Valsassina

–          Claudio Pigazzi, dell’azienda agricola Pigazzi di Pasturo, vincitore del campionato italiano dei salami

–          Azienda Piloni di Barzio con produzione mele e succhi di frutta

–          Banchetto COE della campagna  Focsiv“Abbiamo Riso per unna cosa seria”

Categories : CP Maria regina dei monti | Decanato | Formazione | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.