Lo straordinario Corpus Domini a Premana

Condividi su Facebook

Scritto il 10 giugno, 2012

Il Corpus Domini e uno straordinario villaggio alpino…

La solennità del Corpus Domini vuole significare il ‘Santissimo Corpo e Sangue di Cristo’ attraverso l’Eucarestia definita il ‘bacio di Dio’ all’uomo. Benedetto XVI durante l’omelia del Corpus Domini 2011 ha detto

“…guardiamo l’Ostia consacrata, il tipo più semplice di pane e di nutrimento, fatto soltanto di un po’ di farina e acqua. Così esso appare come il cibo dei poveri…la preghiera con la quale la Chiesa durante la liturgia della messa consegna questo pane al Signore, lo qualifica come frutto della terra e del lavoro dell’uomo. In esso è racchiusa la fatica umana, il lavoro quotidiano di chi coltiva la terra, semina e raccoglie e finalmente prepara il pane. Tuttavia il pane non è semplicemente e soltanto il prodotto nostro, una cosa fatta da noi; è frutto della terra e quindi anche dono…La sinergia delle forze che rende possibile sul nostro povero pianeta il mistero della vita e dell’esistenza dell’uomo, ci viene incontro in tutta la sua meravigliosa grandezza. Così cominciamo a capire perché il Signore sceglie questo pezzo di pane come suo segno…”.

E nel libro ‘Cercate le cose di lassù’ Papa Ratzinger spiega il Corpus Domini come un pellegrinaggio verso la terra promessa, ‘che mantiene la direzione camminando con Colui che è venuto in mezzo a noi come pane e parola…’.

A Premana si svolge la tradizionale festa del Corpus Dominis Domenica 10 Giugno 2012 con la Santa Messa solenne alle ore 10 nella Chiesa di San Dionigi accompagnata dalle voci intense dei Cantori locali e a seguire con la celebre processione che si snoda lungo le ‘strenciole’ tra le case addossate. Scrittori, pittori, registi hanno documentato e dipinto una delle feste religiose più sentite dalla popolazione che partecipa attivamente alla manifestazione corale per addobbare con drappi, lenzuola ricamate, immagini sacre, pizzi, ghirlande di fiori di campo…le finestre e i portoni. Le antiche confraternite aprono il corteo portando i loro stendardi e candelabri, le donne per l’occasione indossano il ‘cotoon’ l’abito tipico, e lo ‘strasciool’ il fazzoletto sul capo…, gli uomini composti osservano seri il rituale mentre i falchetti girano alti nel cielo.

Alle ore 15.30 presso il Museo Etnografico di Premana il regista Renato Morelli racconterà la vita dello straordinario villaggio alpino qual è Premana…alle ore 16.30 si esibiranno i Cantori di Premana e i Cantori di Vermiglio, un piccolo paese della Val di Sole in Trentino. E mille e ancora mille iniziative nei villaggi di Lecco per tutta l’Estate con Voces, per incontrarsi, per conoscere, per fare festa…

Maria Francesca Magni da leccoprovincia.it

Foto resegoneonline.it – valsassinanews.com – leccoprovincia.it

 

Categories : UP Premana e Pagnona


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.