LA LECTIO DI DON GRAZIANO: PRIMA DOMENICA DI AVVENTO

Condividi su Facebook

Scritto il 15 novembre, 2014

Proseguono le lectiones sul Vangelo della domenica, Don Graziano, ci invita alla riflessione sul significato dell’Avvento nella prima domenenica dedicata a questo tempo di “venuta”.

Avvento significa”venuta” e noi intendiamo un tempo (4 settimane nel rito romano e 6 nel rito ambrosiano) di preparazione del Natale di Gesù.

Ma chi di noi accorda la sua vita sui tempi liturgici della chiesa? E come è possibile oggi?

Tutt’ al più chi va in chiesa la domenica nota che i paramenti del sacerdote e gli addobbi sono violacei, ascolta il Vangelo sulla fine del mondo e la venuta di Gesù, e poi? Tutto come prima. Eppure l’ Avvento è tempo per leggere il Vangelo onde lasciarsi mettere in discussione. È tempo di rientrare in casa e ritrovarsi con la propria famiglia per pregare insieme. È tempo di ritrovare la dimensione comunitaria della fede attraverso la messa festiva, per uscire dall’ equivoco.”Sono cristiano anche se non sono praticante.” È tempo di riscoprire la fede per non finire di essere praticante senza essere credente.

È tempo di non ridurre i preti a funzionari che distribuiscono sacramenti e documenti a chi li chiede, ma di esigere dai preti l’annuncio del Vangelo di Gesù Cristo, del Regno di Dio, della salvezza eterna.

Gesù ha detto: “Predicate il mio Vangelo ad ogni creatura, battezzando nel nome del padre, del figlio e dello Spirito Santo”: Notiamo l’ insistenza di Gesù sul predicare, istruire, insegnare che suscita la fede e solo dopo è comandato di battezzare. Senza fede non ci si salva, anche se si è battezzati!

Felice avvento per tutti!

Don Graziano vicario parrocchiale

Vangelo Me 13, 1 – 27

Prima domenica di Avvento – Rito Ambrosiano


Categories : Commento al Vangelo della Domenica | Decanato


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.