LA FESTA DEI SANTI PIETRO E PAOLO A PRIMALUNA RICORDA GLI ANNIVERSARI DI DON MARCO, DON FERDINANDO E SUOR ROSANNA

Condividi su Facebook

Scritto il 1 luglio, 2019

Una festa dei Santi Pietro e Paolo piena di significati quella trascorsa dalla Comunità di Primaluna in occasione della patronale. Prima di tutto gli anniversari di messa del prevosto don Marco Mauri e di don Ferdinando Mazzoleni, rispettivamente 20 e 55 anni oltre a quello di suor Rosanna Corti e i 50 anni di presenza delle suore Indiane a Villa Serena a Inrobio, ma  la Processione Eucaristica con lo stendardo dei Santi, quello di San Rocco e delle Figlie di Maria portati per le vie del paese dagli Alpini e dagli adolescenti animatori degli oratori guidati da don Gianmaria Manzotti, dal seminarista Marco Ruffinoni e da don Filippo Pirondini. Don Ferdinando ha sricordato nella sua omelia come “L’onore di essere qui oggi è dato dal fatto che ricordiamo accanto ai Santi Apostoli il 20° di ordinazione presbiterale e anche il mio 55°. Tra l’altro in questa chiesa e in questa solennità ho celebrato la messa solenne nel 1964: la terza dalla mia ordinazione. Penso che migliore occasione non ci sia per ricordare questi anniversari che la festa dei due giganti della evangelizzazione e santità come sono Pietro e Paolo. Grandi Santi e pure vicino a noi, alla nostra vita. Gesù ci ha scelto senza nessun nostro merito perché ci ha amato da sempre chiamandoci ad essere suoi ministri portatori della sua parola e del suo perdono.” Il sindaco di Primaluna Mauro Artusi ha colto l’occasione per ringraziare la Comunità riunita per la Patronale di due grandi Santi di quanto è stato fatto in occasione dell’alluvione del 12 giugno 2019. ““Ho avuto la consapevolezza che se stiamo insieme – ha proseguito il Primo Cittadino di Primaluna – si fanno grandi cose e possiamo renderci conto di quello che possiamo fare. Dobbiamo usare questo evento brutto per iniziare a lavorare seriamente insieme nelle nostre Comunità. Mi ha commosso molto vedere come tante persone hanno lavorato insieme senza chiedere nulla in cambio chiedendo anche da via se avevamo bisogno di aiuto. Che questa sia un occasione per ripartire con un altro passo.”

I fedeli della Comunità Pastorale Madonna della neve hanno regalato ai due sacerdoti e a suor Rosanna dei semplici presenti per ringraziarli della loro instancabile opera in mezzo ai fedeli. A don Mauri è stata regalata una chiave realizzata da un fabbro della Comunità che fa da portachiavi ad altre chiavi raccogliendo le chiavi di tutte le nostre parrocchie “Perché ti custodisci le chiavi delle chiese dove è presente il Signore Gesù perché ci dono nella quotidianità quel Gesù a noi tanto caro.” A don Ferdinando è stato regalato un orologio da parete con tutte le foto delle chiese perché “Ci insegni che il tempo è prezioso e va speso bene. Questo ti aiuterà a ricordare a ogni istante della tua vita le parrocchie che tu servi, dove celebri la messa.” Invece a suor Rosanna è stato regalato in occasione del suo anniversario un cesto di tisane “Perché – ha detto don Gianmaria – dopo le diverse giornate dove tu svolgi il tuo servizio ti puoi riposare bevendo una calda e buona tisana.” Al termine un rinfresco in oratorio ha concluso la calda e intensa serata radunando tutti i presenti per un momento conviviale.

Categories : CP Madonna della neve | Prima pagina | Vocazioni


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.