“Io sono una Missione” quattro serate sulla Vita come Vocazione nella CP Maria Regine dei Monti

Condividi su Facebook

Scritto il 11 maggio, 2019

Desideriamo prepararci in modo adeguato all’Ordinazione Sacerdotale del nostro diacono don Paolo Invernizzi. Per questo abbiamo pensato a quattro serate di meditazione sul tema della vita come vocazione. Ogni settimana un prete che ha accompagnato don Paolo verso il sacerdozio ci aiuterà a riflettere su un aspetto del tema.

Affinché la riflessione porti frutto proponiamo da questa domenica (Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni) dei testi che ci introducono all’argomento che verrà trattato nella settimana.

La missione al cuore del popolo non è una parte della mia vita, o un ornamento che mi posso togliere, non è un’appendice, o un momento tra i tanti dell’esistenza. È qualcosa che non posso sradicare dal mio essere se non voglio distruggermi. Io sono una missione su questa terra, e per questo mi trovo in questo mondo. Bisogna riconoscere sé stessi come marcati a fuoco da tale missione di illuminare, benedire, vivificare, sollevare, guarire, liberare. Lì si rivela l’infermiera nell’animo, il maestro nell’animo, il politico nell’animo, quelli che hanno deciso nel profondo di essere con gli altri e per gli altri. Tuttavia, se uno divide da una parte il suo dovere e dall’altra la propria vita privata, tutto diventa grigio e andrà continuamente cercando riconoscimenti o difendendo le proprie esigenze. Smetterà di essere popolo.
Per condividere la vita con la gente e donarci generosamente, abbiamo bisogno di riconoscere anche che ogni persona è degna della nostra dedizione. Non per il suo aspetto fisico, per le sue capacità, per il suo linguaggio, per la sua mentalità o per le soddisfazioni che ci può offrire, ma perché è opera di Dio, sua creatura. Egli l’ha creata a sua immagine, e riflette qualcosa della sua gloria. Ogni essere umano è oggetto dell’infinita tenerezza del Signore, ed Egli stesso abita nella sua vita. Gesù Cristo ha donato il suo sangue prezioso sulla croce per quella persona. Al di là di qualsiasi apparenza, ciascuno è immensamente sacro e merita il nostro affetto e la nostra dedizione. Perciò, se riesco ad aiutare una sola persona a vivere meglio, questo è già sufficiente a giustificare il dono della mia vita. È bello essere popolo fedele di Dio. E acquistiamo pienezza quando rompiamo le pareti e il nostro cuore si riempie di volti e di nomi!

Francesco, Evangelii Gaudium, nn. 273-274

Categories : CP Maria regina dei monti | Decanato | Vocazioni


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.