DON GABRIELE COMMENTA IL VANGELO DELLA FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA

Condividi su Facebook

Scritto il 25 gennaio, 2020

Ci sono dei Vangeli che non sono stati scritti ma testimoniati nel silenzio da Gesù: così è ad esempio il Vangelo del lavoro e quello della famiglia come oggi ricordiamo. La Liturgia ci propone oggi la famiglia di Gesù per onorarla e per prenderne esempio.

Ma come era la Sacra Famiglia? Dal Vangelo emergono: normalità: il pellegrinaggio, la preoccupazione per lo smarrimento di un figlio; ma anche “un di più”: il voler compiere la volontà di Dio: c’è in Gesù, ma anche in Maria e Giuseppe che rispettano anche se non capiscono.

In questo Vangelo possiamo considerare 3 momenti. Il ritrovamento di Gesù: “Non sapevate che devo occuparmi delle cose del Padre mio?”.

La missione di Gesù prevale sulla sua appartenenza alla famiglia umana. A questo modo Gesù afferma il limite dell’autorità dei genitori: non sono padroni dei loro figli. Ma subito dopo: “Tornò a Nazaret e crebbe loro sottomesso”.

Non è un rimangiarsi la parola o un chiedere scusa per essersi trattenuto nel tempio.

Questo suo tornare a Nazaret con Maria e Giuseppe e crescere loro sottomesso è l’affermazione della loro autorità.

A questo modo la volontà di Dio ci appare non solo come il limite, ma anche come il fondamento dell’autorità dei genitori. Di Maria, e così si può immaginare di Giuseppe, si dice che “serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore”.

Educato da questi genitori “Gesù cresceva in età, sapienza e grazia”.

Non c’è è parola più grande che il Vangelo ci dice sul valore dell’opera educativa dei genitori L’esempio della sacra Famiglia vale anche per le nostre famiglie in cui a volte si è spento l’amore, i figli si allontanano per altre strade, la preghiera e la fede non sono più condivise?

Sono certamente situazioni di grande difficoltà e lontananza dall’esempio della famiglia di Gesù.

Eppure crediamo che qualche piccolo passo è sempre possibile: magari da soli perché non è condiviso, nel silenzio, nella preghiera, nel sacrificio.

Piccoli passi sono le parole che Papa Francesco ricordava: per favore, scusa, grazie; parole che possono aprire un cammino insperato.

Don Gabriele vicario parrocchiale

 

 

 

 

 

Categories : Commento al Vangelo della Domenica | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.