DON GABRIELE COMMENTA IL VANGELO DELLA 9ª SETTIMANA DOPO PENTECOSTE

Condividi su Facebook

Scritto il 1 agosto, 2020

La fama di Gesù cominciava ad espandersi e si cominciava a sapere che aveva il potere di guarire i malati. Fu così che alcune persone che avevano a cuore un paralitico lo portarono da Lui perché lo guarisse. E’ questa la prima considerazione che raccogliamo dal Vangelo di oggi: il valore dell’intercessione. Quanto potere deve avere sul cuore di Dio la preghiera fatta per amore dei altri!

Oggi si è portati ad esaltare la persona come individuo slegato dalla comunità, ma l’apprezzamento della preghiera di intercessione rivela quanto stia a cuore a Dio la fraternità fra noi.

E’ la gioia e il potere che ha, anche nelle nostre famiglie, una fraternità fra fratelli davanti ai propri genitori, quando un figlio non chiede per sé ma per suo fratello.

Ma la risposta di Gesù sorprende e scandalizza: “Figlio, ti sono rimessi i tuoi peccati”: si attendevano la guarigione ed invece ecco il perdono dei peccati al quale neppure pensavano.

Questa risposta sorprendente di Gesù ci rivela il suo potere di perdonare i peccati e come per Lui, al cuore del male del mondo non ci siano le strutture ingiuste, le epidemie, le catastrofi naturali, ecc. – tutte cose che pure esistono  -, ma sta il peccato del cuore dell’uomo: da lì, disse Gesù, nascono propositi malvagi, omicidi, furti adulteri, falsità, bestemmie.

La risposta di Gesù avrebbe deluso anche noi che tante volte chiediamo miracoli materiali, ma non il perdono e la conversione del nostro cuore.

Ma alla fine Gesù compie anche il miracolo: “…. perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere di perdonare i peccati sulla terra, dico a te: Alzati, prendi il tuo lettuccio e va a casa tua”.

E’ la guarigione, che si può constatare, come prova della verità del perdono dei peccati, che non si vede.

Forse anche noi a volte abbiamo dubitato della verità del perdono di Dio: “Ma Dio mi ha perdonato davvero?”.

E’ come se questo miracolo Gesù l’avesse compiuto anche per noi, per confermarci nella verità del suo perdono se lo sappiamo chiedere con animo sinceramente pentito.

Gesù sa compiere i miracoli materiali, ma lo scopo principale della sua missione è il perdono dei peccati, è guarirci nel cuore e nella coscienza, è ricomporre l’unità con Dio, con gli altri uomini, e perfino con tutto il creato.

“Questo è il mio corpo…. il mio sangue, offerti per voi e per tutti in remissione dei peccati”.

Don Gabriele vicario parrocchiale

 

 

 

 

 

Categories : Commento al Vangelo della Domenica | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.