TANTI FEDELI A PASTURO PER LA MESSA RICORDO DEI SACERDOTI VALSASSINESI DECEDUTI

Condividi su Facebook

Scritto il 7 novembre, 2017

messa-suffragio-sacerdoti-valsassina-1

Una parrocchiale di Sant’Eusebio di Pasturo piena di fedeli per la messa di suffragio concelebrata dai sacerdoti della Valsassina guidati da don Alfredo Comi, presenti anche i diaconi Manzotti e Valsecchi e presieduta dal decano don Lucio Galbiati. Una funzione breve, con soli 5 minuti di omelia in cui don Lucio con tono mesto e sentimento profondo ha detto: “Nei nostri pensieri è poco presente il paradiso come traguardo della nostra vita. Molto spesso abbiamo poco entusiasmo verso questa meta. Tuttavia se teniamo presente che più la meta è grande più il nostro impegno sarà motivato. Il desiderio di raggiungere questa meta diventa la molla di entusiasmo, passione  e creatività. Questi sentimenti li avevano i sacerdoti che hanno guidato il servizio per tanti anni nella nostra Valle.

Stasera siamo raccolti presso l’altare del Signore nella preghiera di suffragio per questi preti che hanno esercitato il loro ministero sacerdotale e che ha esortato i fedeli a fare altrettanto. Alla luce del mistero pasquale visto, la loro morte è in realtà l’ingresso nella pienezza della vita. In questa luce di fede ci sentiamo ancora più vicini ai nostri fratelli defunti. La morte ci ha separati ma la potenza di Cristo e del Suo Spirito ci unisce in modo ancora più profondo. Continueremo a sentirli accanto a noi nella comunione dei Santi. Su di loro come su di noi vegli sempre la nostra madre Maria che veneriamo in tante nostre chiese nella Valle e ci ottenga di non separarci mai dall’amore di Dio che è Gesù Cristo Nostro Signore.”

hanno concluso la loro giornata terrena. Mentre li affidiamo ancora una volta alla bontà misericordiosa del Padre dimostriamo la nostra riconoscenza della testimonianza cristiana e sacerdotale che ci hanno lasciato. Questi nostri fratelli sono giunti alla meta dopo aver servito la Chiesa in quella certezza di amore che Paolo sottolineava nella Lettera ai Romani: ‘Chi ci separerà dall’amore di Cristo?’ Nella fede e nell’amore di Cristo che ha alimentato la vita umana e sacerdotale dei nostri fratelli sacerdoti in Cristo, nel Suo amore dal quale nulla ci può separare.

Sapevano bene che il nostro pellegrinaggio terreno termina presso la Casa del Padre Celeste e che solo li si trova il traguardo, il riposo, la pace. A quella Casa ci conduce il Signore Gesù, nostra via, verità e vita. I sacerdoti che oggi ricordiamo per tutta la loro vita dopo averla consacrata a Dio si sono dedicati a testimoniare la grazia e l’amore di Gesù con la parola e con l’esempio hanno

Suggestivo il momento alla preghiera dei fedeli in cui il prevosto di Primaluna don Marco Mauri ha letto i nomi dei presbiteri defunti dalla metà degli anni sessanta ad oggi.

Categories : CP Madonna della neve | CP Maria regina dei monti | Decanato | Prima pagina | UP Casargo, Margno con Crandola, Indovero con Narro | UP Premana e Pagnona


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.