LA LECTIO DI DON GRAZIANO: UN GIORNO NUOVO PER RICOMINCIARE A CREDERE

Condividi su Facebook

Scritto il 30 dicembre, 2017

Sta per finire un anno, e un anno nuovo inizierà. Purtroppo anche tra i cristiani non c’è molta attenzione né molta riflessione sul tema del tempo: infatti si registrano spesso due atteggiamenti opposti nei confronti del tempo: il primo atteggiamento è proprio di chi lascia scorrere il tempo, senza ordinarlo, senza contarlo, senza viverlo.

E’ l’alienazione di ci dice con stolta innocenza; “Non ho mai tempo” confessando così di essere schiavo del tempo. L’altro atteggiamento è quello di consegnare passivamente al calendario, alle date, le attese o le angosce, i nostri successi o i nostri fallimenti.

In entrambi i casi, il tempo diventa l’idolo al quale si sacrifica il meglio di noi stessi. Ma proprio da questo cattivo rapporto con il tempo c’è angoscia per il futuro, fuga dalla vita quotidiana e non c’è memoria del passato.

Il tempo è fatto dai nostri giorni, da ciò che noi abbiamo come il bene più prezioso: la vita : proprio per questo dobbiamo custodirlo e viverlo da cristiani.

Nell’ottica della fede cristiana, c’è un inizio del tempo nell’incarnazione del Figlio di Dio, e c’è una fine del tempo legata alla venuta del Signore nelle gloria: niente di più e niente di meno! Cioè il cristiano conosce e vive il tempo. E’ il nostro tempo , proprio perché è contrassegnato dalla misteriosa presenza di Dio, è un tempo aperto all’eternità, alla vita per sempre!

I nostri giorni hanno una fine, ma hanno anche un fine; l’incontro con il Dio che viene! Alla luce di questa verità, gli anni, i mesi i giorni che continuano sono caratterizzati da speranza e da attesa, da lotta e da pazienza.

Si, a volte i tempi sono cattivi, ma il tempo se è vissuto come l’oggi di Dio, non è mai una prigione: è sempre aperto al futuro al quale Dio ci chiama!

Auguro che ogni giorno sia sempre un giorno nuovo in cui ricominciare a credere, a sperare, ad amare.

Don Graziano vicario parrocchiale
Domenica 31 dicembre 2017 e lunedì 1 gennaio 2018

Categories : Commento al Vangelo della Domenica | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.