LA LECTIO DI DON GRAZIANO: UMILI PER CREDERE

Condividi su Facebook

Scritto il 18 agosto, 2018

Abbiamo bisogno di fidarci di Gesù e accettare il chiaroscuro della fede senza credere alla psicosi, che genera meccanismi magici nel voler capire tutto! Perché è tanto difficile per noi credere, fidandoci di Dio e abbandonandoci a Lui?

Non ci può essere vera fede senza una profonda umiltà! Il centurione di Cafarnao, di cui ci parla il Vangelo, è modello per noi! Tutti i grandi credenti della storia sono stati profondamente umili davanti a Dio e agli altri, anche se erano grandi personaggi, grandi saggi o grandi santi.

In ogni santa messa, prima della comunione, noi ripetiamo le parole del centurione romano: “O Signore non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma dì soltanto una parola e io sarò salvato!” Ma queste parole non ci serviranno molto se non ricalchiamo l’atteggiamento di fede e umiltà che le ha ispirate.

Chi crede nel Dio santo e misericordioso, quando vede se stesso peccatore e meschino, non può fare a meno di esclamare con sincerità: “Signore, io non sono degno!” Per credere in Dio è quindi necessaria l’umiltà, anche se questa virtù non è molto quotata nel nostro mondo. Infatti l’umiltà sembra non accordarsi con la psicologia aggressiva e trionfalista di cui ha bisogno l’uomo di oggi per farsi valere e aprirsi la strada nella vita.

Tuttavia, solo chi è umile può credere in profondità e completarsi come persona!

Oggi è il giorno di ripetere con convinzione le parole del centurione romano: “O Gesù, dacci umiltà sufficiente per credere e fede profonda per amare!”

Don Graziano vicario parrocchiale
Domenica19 agosto 2018
Tredicesima domenica dopo Pentecoste – Ciclo B
Rito Ambrosiano
Vangelo Lc 7, 1 – 10

Categories : Commento al Vangelo della Domenica | Decanato


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.