LA LECTIO DI DON GRAZIANO: LA CASA DI DIO

Condividi su Facebook

Scritto il 29 luglio, 2018

Il Vangelo di questa domenica si apre presentandoci Gesù che scaccia i venditori dal tempio! E Gesù dice che il tempio del Signore è luogo di preghiera, e non mercato di chiacchere!

La preghiera, dunque! Se Gesù aveva bisogno di pregare (e di fatto pregava molto), tanto più ne abbiamo bisogno noi che siamo esseri fragili, deboli, esposti al male che c’è nel mondo, impotenti con le sole nostre forze di fronte alle innumerevoli insidie che sono in noi e attorno a noi. Effettivamente, quando non si prega, la fede a poco a poco si spegne, e se una persona sta tanto tempo senza pregare, perde la fede!

Proprio così: si perde la fede perché non si prega. Le crisi di fede sono sempre crisi di preghiera, e possiamo ben dire che la fede di una persona vale quanto vale la sua preghiera! A una preghiera superficiale, non fatta col cuore, corrisponde una fede che non incide nella vita.

Noi, a volte, ci lamentiamo di avere i dubbi di fede, ma tali dubbi sono oscurità che portiamo in una mente, dove la preghiera non irradia la sua luce. Mentre nella preghiera fatta con il cuore, entra in noi la luce e la forza dello Spirito. E nessuna situazione di vita ci vedrà fallire, perché nel momento del pericolo, se preghiamo, sentiremo accanto a noi la forte presenza di Gesù che dice: “Coraggio, sono Io, non avere paura”. E la sostanza della preghiera è proprio questa: percepire la presenza di Dio nella nostra vita di ogni giorno; l’essere consapevoli che Dio c’è vicino e che ci prende per mano nel cammino della vita!

Chiediamo allora a Gesù di prenderci per mano, per affrontare la “pericolosa” traversata della nostra vita terrena e arrivare felicemente, con a fianco Gesù, al porto sospirato della Vita eterna!

Don Graziano vicario parrocchiale
Domenica 29 luglio 2018
Decima domenica dopo Pentecoste
Vangelo Mt 21, 12 – 16

Categories : Commento al Vangelo della Domenica | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.