LA LECTIO DI DON GRAZIANO: I BAMBINI SPERANZA DEL NATALE

Condividi su Facebook

Scritto il 24 dicembre, 2017

Il vero argomento dell’esistenza di Dio e della sua incarnazione è il regalo di Natale. Che cos’è il Natale se non il grande dono che Dio fa di sé stesso agli uomini?

Per potersi donare completamente fino alla morte, Dio assume la natura dell’uomo. E questo è il grande dono, che porta con sé tutti gli altri doni: la vita per noi, la speranza, la resurrezione, e sua Madre che ci viene data in dono, proprio come Madre. E il dono più grande che in ogni Natale ci ricorda il dono di Gesù sono proprio i bambini!

Festeggiamoli dunque, e veneriamoli, come se fossero là, nel presepio, a sentire gli Angeli che cantano “Gloria”. E poi ogni tanto penso: nessuno tra coloro che incontravano la giovanissima fanciulla di Nazareth, con i segni evidenti della maternità, poteva immaginare chi fosse colui che era dentro di lei, e che era in procinto di cambiare il destino dell’uomo e nel mondo. Nessuno poteva immaginare che quella fanciulla portasse “sotto il suo cuore” il Creatore di tutto: insomma Dio stesso!

Quando penso a queste cose e guardo i bambini fermi davanti alle vetrine e penso anche a quelli che stanno per nascere e a quelli che rischiano di essere eliminati prima di nascere, mi chiedo chi saranno costoro tra vent’anni, fra quaranta e fra cinquanta.

Saranno loro a decidere le sorti dell’umanità, saranno loro a decidere la guerra e la pace, saranno alcuni di loro a dare speranza, paura, gioia o dolore al mondo intero. Guardando i bambini a Natale, bisognerebbe raccogliere e non sciupare questo pensiero: se Gesù ha detto di riconoscerlo nei più piccoli, allora vuol dire che Egli è presente in ciascuno di questi bambini in modo particolare.

Allora bisogna venerarli i bambini, perché sono loro i veri doni di Natale! Perché sono loro, i bambini, il futuro di Dio e il futuro dell’uomo!

Don Graziano vicario parrocchiale
25 dicembre 2017 – Solennità del Natale
Natale di Gesù

Categories : Avvento e Natale | Commento al Vangelo della Domenica | Decanato | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.