FESTA DEI SS PIETRO E PAOLO DEDICATA AL NUOVO SACERDOTE DON GIANMARIA

Condividi su Facebook

Scritto il 1 luglio, 2018

festa-dei-santi-pietro-e-paolo-primaluna-2018-95-medium

Due ore di cerimonia a Primaluna per la festa dei Santi Pietro e Paolo a cui è dedicata la prepositurale della sede Arcivescovile, in onore del novello prete don Gianmaria Manzotti.

Durante la messa, la prima celebrata nella Comunità Madonna della neveda don Manzotti, concelebrata dal prevosto don Marco Mauridon Graziano Bertolotti e da don Gabriele Carena con la presenza del seminarista di Introbio Marco Ruffinoni, tanti richiami e canti “Tu sei sacerdote per sempre” rivolti al nuovo responsabile della Pastorale Giovanile della Valsassina.

In prima fila, oltre al sindaco di Primaluna Mauro Artusi, i responsabili e gli animatori dell’oratorio estivo provenienti anche da Introbio, Cortenova e Taceno a testimoniare l’impegno che don Gianmaria ha già profuso anche nei paesi del fondo valle per bambini, ragazzi, adolescenti e giovani.

Il neo prete, visibilmente commosso, è già in Valsassina da ottobre ed è riuscito a farsi stimare ed ammirare anche dagli adulti per il suo impegno e dedizione verso i giovani.

La solenne processione con il Santissimo portato da don Manzotti sotto il baldacchino sorretto dagli Alpini per le vie antiche di Primaluna che ha seguito la messa ed accompagnata dalla Banda di Cortabbio, ha fatto tappa per l’adorazione ad alcuni altari riccamente addobbati dai fedeli che hanno portato anche lo stendardo dei Santi festeggiati. Per la prima volta è stato condotto in processione dagli animatori lo stendardo di San Luigi, santo protettore della gioventù studiosa morto all’età di soli 23 anni a simboleggiare l’impegno e la fede dei giovani che si dedicano all’educazione alla fede dei più piccoli negli oratori.

Al termine della funzione don Manzotti ha voluto ringraziare tutti ed ha ricevuto dei singolari “regali” portati da don Marco: tre frasi tratte dalla prima lettera di San Paolo ai Tessalonicesi: “siate sempre lieti, pregate incessantemente e in ogni cosa rendete grazie”, la cucina della casa dell’ex coadiutore dell’oratorio da portare nel suo appartamento a Barzio e il pulminodella comunità, acquistato da don Marco Galli da utilizzare per tutti senza dover ogni volta scendere fino ad Introbio. Le offerte raccolte sono state trasformate in buoni benzina con l’invito rivolto al presbitero di non stancarsi mai di percorrere la Valsassina alla ricerca di giovani e vocazioni da portare a Gesù. Il novello prete ha chiesto in cambio tanta preghiera da innalzare per lui in cambio della sua per i presenti.

Al termine un rinfresco all’oratorio ha concluso la serata.

(C) Valsassinanews.com e Decanatoprimaluna.org

 

 

Categories : CP Madonna della neve | Decanato | Pastorale Giovanile | Vocazioni


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.