DOMENICA LA PROCESSIONE IN VAL BIANDINO PER LA FESTA DELLA MADONNA DELLA NEVE A 182 ANNI DAL VOTO – IL PROGRAMMA

Condividi su Facebook

Scritto il 31 luglio, 2018

madonna-della-neve-valbiandino

E’ già in corso la novena di preparazione iniziata lunedì 30 luglio e che durerà fino a venerdì 3 agosto alle  20.30 con rosario e riflessione, in particolare giovedì sera tutti i bambini sono invitati a portare un fiore come segno di devozione a Maria la madre di Gesù. Il pellegrinaggio a piedi lungo la via verso il Santuario in Val Biandino inizierà domenica 5 agosto alle 5.30 con le lodi in chiesa parrocchiale e processione. In Biandino la messa sarà alle 11. Quest’anno ricorre il 182esimo anniversario del voto del 1836 anche se la festa della Madonna della Neve era celebrata con solennità in Biandino già prima. Fu però il 1836 – riferisce sempre Giulio Selva – l’anno del voto che trasformò la giornata del 5 agosto nella festa più cara agli introbiesi. Fu quello l’anno in cui il colera fece la sua apparizione in Valsassina, mietendo vittime e seminando terrore in tutti i paesi. Il contagio si manifestò in Valle verso a metà di luglio e cessò alla fine di settembre.

Lo storico introbiese Giuseppe Arrigoni, che degli avvenimenti fu testimone oculare, così descrive quella terribile estate: «Era persuasione del volgo lombardo che il malore fosse ad arte introdotto per far perire gli uomini e srarire il mondo troppo gremito. In Valsassina però non altro si pensava e si diceva se non che fosse un castigo di Dio pei peccati degli uomini. Da Bergamo il male venne portato a Rancio (26 giugno 1836), a S. Giovanni, a Castello e in altre terre lecchesi». Poi «… anche a Cortabbio, a Moggio, a Cremeno, a Barzio e nella Riviera del Lago il morbo si sviluppò… Dirò che ne morirono in Barzio 33, in Moggio 15, in Cremeno 12, in Cortabbio 30. Poco furono toccati Pasturo, Primaluna, Cortenova, Introbio ne fu salvo…».

Fu in questo frangente che gli introbiesi salirono a Biandino a invocare al protezione della Madonna della Neve, facendo voto di ripetere ogni anno la processione di penitenza e ringraziamento se la Vergine avesse esaudito le loro preghiere. Inrobio fu preservato dal colera. Da quella data la Beata Vergine della Neve divenne la «Madonna di Biandino», un titolo che nessun calendario riporta ma che è stampato da generazioni nel cuore della nostra gente. Il voto degli avi è tuttora puntualmente rispettato e, anche se al Santuario non si sale più a piedi scalzi, da 150 anni per gli introbiesi «ol dì de la Madona» è il 5 di agosto.

Cfr Valsassinacultura.it

Il programma:

Novena di preparazione

da lunedì 30 luglio a venerdì 3 agosto ore 20.30 rosario e riflessione in particolare giovedì sera tutti i bambini sono invitati a portare un fiore

sabato 4 agosto

ore 18.00 S.Messa in chiesa parrocchiale
ore 20.00 Santa Messa in Biandino

Domenica 5 agosto Processione al Santuario

— > ore 8.30 e ore 11.00 Sante Messe in Santuario a Biandino e in Chiesa Parrocchiale a Introbio-LC

– > La processione
ore 5.30 lodi in Chiesa Parrocchiale a Introbio
ore 5.45 – 5.50 formazione e inizio processione verso Biandino
Lungo il percorso: sosta a località “ca’ del Dolfo” – Sosta a “Felecc” e preghiera – Soste ristoro località “acqua S.Carlo”, “scala-Baita degli Alpini” e “Bocca di Biandino” – Preghiere di Suffragio per i defunti alle Baite di Biandino
ore 10.30 circa arrivo in Santuario. Preghiera di ringraziamento e canto ex voto.
ore 11 Santa Messa

ore 17.30 Dopo ritorno libero da Biandino fino a ca’ del Dolfo, rientro in processione alla Chiesa Parrocchiale. Canto delle litanie e Benedizione

Categories : CP Madonna della neve | Decanato | Prima pagina


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.