Della Samaritana Gv 4,5 – 42 Conoscere il dono di Dio

Condividi su Facebook

Scritto il 26 febbraio, 2018

samaritana
L’incontro di Gesù con la donna Samaritana, raccontatonel Vangelo di Giovanni, è un dialogo bellissimo che ci mostra da una parte il desiderio di Dio e la sua tenerezza nel farsivicino ad ogni situazione umana e, dall’altra parte, la gioia e lo stupore da parte dell’umanità di incontrare realmente nella propria storia il volto misericordioso di Dio.
“Setu conoscessi il dono di Dio!”; se anche noi conoscessimo davero il dono di Dio cambieremmo certamente il nostro modo di vedere le cose, di comportarci con gli altri e con noi stessi, ritroveremmo e accoglieremmo la pace. Una pace che parte dalla verità sulla propria vita; quante volte ci nascondiamo, cerchiamo di non vedere o di stravolgere la realtà delle cose perché ci fa male; quante volte ci illudiamo che nulla di ciò che è successo, sia che ci coinvolga personalmente o che subiamo come un torto, sia vero, chiud endoci così nel nostro dolore, nelle nostre illusioni e nelle nostre vergogne.

In questo modo però impediamo al sole di scaldarci, di ridarci vita e speranza. Ci chiudiamo il futuro ed è come se fossimo già morti. Il male ci schiaccia, ci opprime e non riusciamo più a vedere un futuro, ad avere speranza. In una parola, invece di Vivere, sopravviviamo.<
È triste un mondo così e una storia vista in questo modo. L’incontro della donna samaritana con Gesù le apre nuove prospettive che non aveva mai immaginato e la fa diventare causa di movimento e di gioia per tutto il suo villaggio. Lei che di nascosto era andata al pozzo per non sentirsi esclusa, emarginata e additata, ora
improvvisamente si trasforma incolei che tira fuori gli altri di casa per farli andare ad incontrare Gesù, colui che le ha detto: “Dammi da bere”.
In questa Quaresima ciascuno possa lasciarsi illuminare dalla Parola di Dio per riconoscere quale grande dono ci ha fatto.
don Marco, parroco CP Madonna della neve
Categories : CP Madonna della neve | Per riflettere insieme | Quaresima e Pasqua


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.